Il ritorno dei Supermen Castel Giorgio (TR)
Il Football Americano torna al "Vince Lombardi" di Castel Giorgio (TR)
Prossimo evento tra:
Il ritorno dei Supermen Il ritorno dei Supermen Il ritorno dei Supermen Il ritorno dei Supermen
Campagna di raccolta fondi per ripristinare il mitico tabellone luminoso dello Stadio "Vince Lombardi"
Prossimo evento 29 Gennaio 2017 dalle ore 11.00   
Mock

Lago di Bolsena

É il lago di origine vulcanica più grande d´Europa, formatosi oltre 300.000 anni fa in seguito al collasso calderico di alcuni vulcani appartenenti alla catena dei monti Volsini. Ha una forma ovale, due isole e un fiume emissario il Marta. Ha un´area totale di 113,5 km² (quinto in Italia), si trova a 305 m s.l.m., ha una profonditá massima di 151 m.

Mock

La cittadina di Bolsena

da cui prende il nome il lago, si trova nel Lazio, é famoso per essere denominato "La città del miracolo eucaristico", dalla quale la solennità del Corpus Domini si é estesa a tutta la Chiesa (da visitare: castello Rocca Monaldeschi della Cervara che ospita il Museo territoriale del Lago di Bolsena, Chiesa di Santa Cristina in stile romanico XI secolo, Fontana di San Rocco, fatta erigere dal cardinale Giovanni de´ Medici, si trova nella pittoresca piazza di San Rocco - per i bolsenesi l´acqua é miracolosa - domina la fontana il Palazzo Caposavi di origine cinquecentesca, le Catacombe di Santa Cristina visitabili. Convento di Santa Maria del Giglio, ex chiesa di S. Francesco del XII-XIII secolo con affreschi e oggi teatro comunale, ex chiesa di San Salvatore XIII secolo nel quartiere medievale, geosito delle pietre lanciate che si trova uscendo sulla Cassia a sinistra dell´abitato).

Mock

Civita di Bagnoregio

É una suggestiva frazione in provincia di Viterbo, facente parte dei borghi più belli d´Italia, famosa per essere denominata "La città che muore". Si trova nella valle dei calanchi situata in posizione isolata, raggiungibile solo attraverso un ponte pedonale in cemento armato costruito nel 1965 (da visitare: la chiesa di San Donato, sulla piazza principale, il Palazzo Vescovile, un mulino del XVI secolo, la casa natale di San Bonaventura e la porta di Santa Maria, con due leoni che tengono tra le zampe una testa umana, a ricordo di una rivolta popolare degli abitanti di Civita contro la famiglia orvietana dei Monaldeschi).

Mock

Torre Alfina

É una pittoresca frazione del comune di Acquapendente, in provincia di Viterbo. Situata al margine settentrionale dell´altopiano dell´Alfina, ha una popolazione di 345 abitanti ed é uno tra I borghi piú belli d´Italia (da visitare: il bosco monumentale del Sasseto, il Museo del Fiore, il Castello della famiglia dei Monaldeschi prima, e il suo ramo della Cervara poi, passó, per via ereditaria, ai marchesi Bourbon del Monte, visitabile su prenotazione tel.320.23.91.536).

Mock

Acquapendente

É il comune il piú settentrionale del Lazio, al confine con Toscana, deve il suo nome alle numerose piccole cascatelle che confluiscono nel fiume Paglia. Il borgo si sviluppó velocemente per la collocazione sull´asse di comunicazione con Roma, nel 964 ospitó l´imperatore Ottone I per un breve periodo. Con la donazione di tutti i beni di Matilde di Canossa alla Chiesa, Acquapendente entró a far parte del Patrimonio di San Pietro (da visitare: la cattedrale é una basilica di stile romanico appartenente all´ordine benedettino, vi é conservata una pietra macchiata di sangue che si dice provenga dal Santo Sepolcro di Gerusalemme, all´interno la cripta di stile romanico, una delle piú importanti e caratteristiche in Italia per la sua antica origine (X-XI secolo) e le caratteristiche colonne, la chiesa di San Francesco, la torre campanaria a tre piani, il chiostro da cui si accede alle sacrestie recentemente restaurate che ospitano la Pinacoteca, la Riserva naturale Monte Rufeno, che si estende per 2.893 ettari).

Mock

Orvieto

e il suo territorio umbro é dominato dalla rupe-rocca difensiva naturale abitata per la prima volta dalle popolazioni etrusche (IX-VIII secolo a.C.). Velzna, cosí si chiamava Orvieto anticamente, era un insediamento molto fiorente che basava la sua economia sulla produzione delle ceramiche (i buccheri) e sulla lavorazione dei bronzo. La cittá, in lotta contro la politica espansionistica di Roma, fu occupata dall´esercito nemico nel 254 a.C. e venne rasa al suolo. Durante le invasioni barbariche la cittá venne occupata da Alarico e da Odoacre e fu scenario di numerosi scontri e battaglie, fu occupata dai Longobardi di Agilulfo e con la rinascita religiosa vennero promosse le costruzioni di abbazie e monasteri su tutto il territorio circostante. Il Comune venne istituito a partire dal 1137, iniziarono gli scontri tra le fazioni guelfe (filopapali) e quelle ghibelline (filoimperiali) che si prolungarono nel tempo e segnarono la storia cittadina, trasformando il centro in una roccaforte guelfa. Nel 1200 venne creato il Consiglio Generale dei Quattrocento con l´elezione, successiva, del Capitano del Popolo e di un Governo degli Anziani e delle Arti con un priore e con la propria magistratura. Inoltre, nel 1290, venne iniziata la costruzione del duomo, a seguito del Miracolo eucaristico della vicina Bolsena. Attualmente é un brulicare di stradine e viuzze che fanno tornare piacevolmente in dietro nel tempo (da visitare: oltra al Duomo e la sua magnifica cappella di San Brizio, il Palazzo del Popolo, piazza della Repubblica, il Pozzo di San Patrizio, le Necropoli, i Musei civico e archeologico).

Mock

Castel Viscardo

in territorio umbro, sorge intorno ad una fortificazione, fortezza, torre edificate in posizione strategica di avvistamento dei pericoli prima di giungere Orvieto. La sua fondazione e denominazione si deve al cavalier Viscardo Ranieri. Precedentemente alla fondazione di Castel Viscardo, esisteva un piccolo villaggio chiamato Selci, sulla strada romana «Traiana Nova». Il villaggio di Selci, la cui denominazione deriva dalla grande quantità di pietra di basalto presente nella zona, si era formato sui resti di un precedente insediamento romano, a sua volta costruito in sostituzione di uno etrusco. Di quest´ultimo, in località «Caldane», é stata trovata la necropoli, in zona denominata «Santa Maria», nei pressi della «Torricella».


© Copyright Il ritorno dei Supermen 2016 - webmaster Luca Pantó